Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Il Percorso Museale

Il percorso museale proposto si articola all'interno del grande ambiente rettangolare che vede al centro le mangiatoie e l'antico lastricato in blocchi di arenaria locale. L'accesso dalla corte dell'antico caseggiato introduce al grande ambiente in cui sono distribuiti, in senso orario, i vari reperti relativi al modo di viaggiare in Sicilia.

Quindi a sinistra sono esposte alcune carte dell'Isola ed in particolare una rara litografia del 1836 che riporta i tracciati della Regia Posta con luoghi di cambio e sosta ed altre specifiche indicazioni, seguono vari docu-menti correlati al viaggio quali passaporti, lasciapassa¬re, bolle di carico e regolamentazioni daziarie e doga¬nali con documenti originali a partire dal 1656. Tali documenti riguardano sia il trasporto per via di terra che per via di mare.

Una successiva sezione illustra i mezzi di trasporto usati nel tempo, dalla "Lettiga siciliana" alle varie tipo¬logie di carrozza con curiosi elementi a corredo, quali alcune eleganti fruste per il tiro a quattro o sei cavalli.

Distribuiti lungo il percorso vi sono diversi baga¬gli, borse da viaggio, valigie e bauli. Segue quindi la sezione dedicata al carretto, qui presente non nella sua interezza ma scomposto in varie parti, consentendo così una migliore lettura di questo straordinario strumento di lavoro e mezzo di trasporto che per le sue specificità è assurto quasi a simbolo dell'Isola. Osservando le varie componenti meglio si comprende come il decoro artisti¬co sia presente in ogni sua parte, dalle stanghe alla casciadifuso, per non dire di sponde, portello e chiave di carretto.

Il percorso prosegue con una sezione dedicata ai rischi del viaggio e, nello specifico, al fenomeno del brigantaggio al tempo ritenuto endemico a talune regioni, ed ammantato di un alone romantico, in particolare per la inusitata presenza femminile.

Infine, una sezione è destinata alle selle ed ai finimenti delle cavalcature. Nelle teche distribuite lungo l'intero percorso sono esposti tutti quegli oggetti un tempo correlati al viaggio a conferma di come negli ultimi cento anni il modo di viaggiare sia radicalmente mutato rispetto a quanto caratterizzava e complicava il "Grand-Tour" tra XVIII e XIX secolo.

StampaEmail